Tracciabilità delle retribuzioni. Dal 1° luglio non è più possibile pagare in contanti i lavoratori.

Postato in DOCUMENTI UFFICIO PAGHE

Come noto dal prossimo 1° luglio, la retribuzione dei dipendenti non potrà più essere corrisposta per mezzo di denaro contante direttamente al lavoratore, pena l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria consistente nel pagamento di una somma da 1.000,00 euro a 5.000,00 euro

Dalla data sopra indicata, i datori di lavoro privatidovranno invece utilizzare modalità di pagamentotracciabile:

  • Bonifici
  • Assegni
  • altri strumenti di pagamento elettronici quali ad esempio carte prepagate e assegni elettronici.

Il pagamento in contanti sarà possibile solo se il datore di lavoro apre presso la Banca o la Postaun conto di tesoreria con mandato di pagamento. In questo caso, il lavoratore dovrà recarsi allo sportello bancario o postale a ritirare lo stipendio. Per maggiori informazioni Vi invitiamo a contattare il Vostro istituto di Credito.

L’obbligo riguarda tutti i rapporti di lavoro subordinato, i contratti di collaborazione coordinata e continuativa e i contratti di lavoro stipulati in qualsiasi forma dalle cooperative con i propri soci.

Restando invece espressamente esclusi i compensi pagati per lavoro domestico e i compensi derivanti da borse di studio, tirocini, rapporti autonomi di natura occasionale.

La violazionedelladisposizione e quindi la conseguente applicazionedellasanzione, si verifica anche nel caso  in cui, sebbene sia stato utilizzato uno dei sistemi di pagamento consentiti, il versamentodellesomme dovute non risulti realmente effettuato ad esempio, per successiva revoca del bonifico o per l’annullamento dell’assegno avvenuto prima dell’incasso.

In altri termini,non è sufficiente che il datore di lavoro abbia disposto il pagamento utilizzando gli strumenti indicati dalla legge, ma occorre che lo stesso vada a buon fine.

Sull’argomento Confagricoltura nutre fortissime riserve anche in considerazionedellespecificità del settore del lavoro agricolo, caratterizzato da una forte componente di lavoratori stagionali e stranieri.

Il divieto di pagamento in contanti, oltre a determinare un aggravio degli adempimenti a caricodelleimprese, potrebbe creare difficoltà nella gestione dei flussi finanziari con alcune categorie di dipendenti.

Per tali ragioni la nostra Organizzazione continuerà ad operarsi nelle sedi istituzionali competenti – nonostante le attuali incertezze politiche - affinché la disposizione legislativa in commento possa essere adeguatamente modificata con l’esclusione del settore agricolo dall’ambito di applicazione, o (almeno) con la previsione di un rinviodellasua entrata in vigore.

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information