Nel Veronese la superficie a mais dimezzata in dieci anni

on . Postato in primopiano

La superficie a mais in Italia si è dimezzata in dieci anni. É il dato emerso nel tavolo nazionale di filiera dei cereali, che ha affrontato temi e problematiche legati ai seminativi. Una crisi grave, quella che attanaglia la coltura, che spinge ad affrontare con urgenza il declino di quella che pur sempre rimane la prima coltivazione cerealicola per quantità di produzione.

mais1

Anche il territorio veronese ha risentito fortemente della crisi, con un calo del 50% negli ultimi dieci anni. Con 25.800 ettari la coltura nel Veronese è retrocessa al quarto posto in Veneto dopo Padova (36.400 ettari), Rovigo (34.600) e Venezia (30.700). Un’annata particolarmente difficile, il 2017, anche per i gravi danni nello sviluppo vegetativo causati dalle ondate di calore che si sono susseguite tra fine giugno e agosto.

Le previsioni di semina per il 2018 evidenziano un nuovo calo dell’1,7% della superficie a mais e del 4,5% delle superfici a riso. Previsto invece un aumento rispetto ai raccolti 2017 per il frumento tenero (+4,5%, con punte del +5,8% nel Nordest) e del 6,1% delle superfici a grano duro (dato che va in controtendenza rispetto alla riduzione delle superfici seminate al Sud e Isole del 3,1%).

“Il territorio veronese sta vivendo anni di grande sofferenza per il mais – conferma Mauro Mantovani, cerealicoltore e membro di giunta di Confagricoltura Verona -. Era il raccolto più importante del nostro territorio e della pianura padana perché dava una redditività importante. Negli ultimi anni sono aumentati i costi di produzione e i prezzi sono crollati fino agli attuali 100 euro a tonnellata per il prodotto verde, spingendo i produttori ad abbandonare la coltura. Chi aveva mais ora semina frumento tenero, che ha costi modesti e una redditività di 200 euro a tonnellata, ma soprattutto soia, che presenta un impegno finanziario e di lavoro più modesto, con una capacità produttiva di 35 quintali a ettaro e una quotazione di 380 euro a tonnellata. L’anno scorso nel Veronese le superfici di soia sono aumentate del 12%, salendo a quota 14.600 ettari, superando il frumento tenero che è fermo a 13.600 ettari”.

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information